La grande onda di Kanagawa di Katsushika Hokusai: il capolavoro dell’arte giapponese di Dario Mastromattei

Grande Onda Kanagawa Katsushika Hokusai analisi

Testo e immagini sono tratte da https://www.arteworld.it/grande-onda-di-kanagawa-hokusai-analisi/  con autorizzazione di Dario Mastromattei

 

Data di realizzazione: 1830-1831

Dimensioni: 25,7 x 37,9 cm

Dove si trova: Vari musei del mondo

La superficie che ospita l’opera è orizzontale.

In giapponese è chiamata ōban.

Un formato utilizzatissimo nell’arte orientale.

Gli elementi fondamentali nel lavoro di Hokusai onda sono:

  • Mare in tempesta
  • Barche
  • Monte Fuji
Particolare mare navi monte Fuji Grande Onda Kanagawa Hokusai analisi
Particolare dell’onda, le barche e del Monte Fuji

Poi se guardi in alto a sinistra vedrai anche la firma dell’artista.

Particolare firma Hokusai Grande Onda Kanagawa analisi
Particolare della firma dell’artista

Cominciamo l’analisi parlando della montagna.

Particolare Monte Fuji Grande Onda Kanagawa Hokusai analisi
Particolare del Monte Fuji

Questo è il Monte Fuji.

Uno degli elementi religiosi più importanti di tutto il Giappone.

Un sacco di artisti hanno realizzato delle opere d’arte con protagonista questo rilievo.

Ed anche Hokusai.

In questo quadro onde giapponese il Monte Fuji è un po’ strano.

In che senso?

Se guardi da vicino noterai che attorno c’è un’atmosfera scura.

Particolare colore scuro vicino Monte Fuji Grande Onda Kanagawa Hokusai analisi
Particolare del colore scuro vicino al Monte Fuji

Che vuol dire?

Forse è la notte che sta scomparendo gradualmente per lasciare posto all’alba.

Il sole sta per sorgere ed illumina pian piano tutto il cielo.

Ma quel colore scuro non potrebbe rappresentare una tempesta in arrivo piuttosto che la notte?

Non è possibile.

Ed ora ti dico il perché.

Il tono grigio attorno alla montagna potrebbe ingannarti.

Ma non si tratta di maltempo perché:

  • Non c’è alcuna traccia di pioggia nella composizione
  • Non ci sono nuvole di tempesta nelle vicinanze

Andiamo avanti.

C’è altro che devi sapere sul capolavoro di Hokusai la grande onda.

Ad esempio?

Guarda le 3 navi in mare.

Particolare navi Grande Onda Kanagawa Hokusai analisi
Particolare delle navi

Sono delle imbarcazioni molto particolari.

In giapponese si chiamano oshiokuri-bune.

Si tratta di chiatte lunghe all’incirca 12-15 metri.

Venivano utilizzate per trasportare il pesce appena pescato.

Come avrai intuito dal titolo dell’opera siamo nei pressi del porto di Kanagawa.

Un tempo era una tappa molto importante nel percorso tra Edo e Kyoto.

Oggi questa zona si trova a 30 chilometri a sud di Kyoto.

E quant’è distante il Monte Fuji dal punto di vista dell’osservatore nell’opera di Hokusai?

Probabilmente sono circa 100 chilometri.

Particolare distanza attuale Kanagawa Monte Fuji Grande Onda Kanagawa Hokusai analisi
Particolare della distanza attuale tra il porto di Kanagawa ed il Monte Fuji

Ma torniamo un attimo su queste piccole imbarcazioni ritratte ne la grande onda Kanagawa.

Guardandole da vicino puoi notare che ciascuna di queste ha un equipaggio di 8 vogatori e di 2 passeggeri sulla loro punta.

Particolare equipaggio barche grande onda Kanagawa Hokusai analisi
Particolare dell’equipaggio di una nave

Sono 30 persone in tutto.

E voglio svelarti una curiosità molto interessante.

Osservando l’abbigliamento dei protagonisti di quest’opera è stato possibile capire in quale momento dell’anno è ambientata la scena, sai?

Ora mi spiego meglio.

Particolare abbigliamento equipaggio nave Grande Onda Kanagawa Hokusai analisi
Particolare della veste degli uomini

I pescatori indossano una veste color indaco chiamata samue.

I vestiti con questo colore vengono indossati in primavera.

In autunno invece la samue è marrone.

Ciò significa che la pittura giapponese onda è ambientata in primavera.

Ora è il momento di parlarti del mare e della famosa onda.

Particolare onda grande onda Kanagawa Hokusai analisi
Particolare dell’onda

L’artista ritrae questa gigantesca onda un momento prima che si infranga con grande potenza sulle navi.

Guardandola con attenzione puoi notare che l onda Hokusai forma una spirale quasi perfetta, il cui centro corrisponde a quello della scena.

Particolare forma onda grande onda Kanagawa Hokusai analisi
Particolare della spirale nella composizione

Ma si tratta di uno tsunami?

Forse no.

Probabilmente si tratta di una formazione di piccole onde che hanno raggiunto una grandezza fuori dal comune.

Potrebbe essere alta al massimo 12 metri.

Particolare altezza onda grande onda Kanagawa Hokusai analisi
Particolare dell’altezza dell’onda

Aspetta un attimo.

Guarda un attimo in alto a sinistra.

A parte la firma dell’artista, l’hai vista quell’altra scritta nel rettangolo?

Particolare scritta rettangolo titolo grande onda Kanagawa Hokusai analisi
Particolare della scritta nel rettangolo

Questo è un dettaglio molto importante nel lavoro di Hokusai l onda.

Per quale motivo?

Lì c’è scritto “Fugaku sanjūrokkei Kanagawa oki nami ura”.

Significa “Trentasei vedute del Monte Fuji al largo di Kanagawa sotto un’onda”.

Ed anche la firma è molto particolare.

In che senso?

Non c’è scritto Katsushika Hokusai, ma “Hokusai aratame Iitsu hitsu“.

Significa “Dal pennello di Hokusai che cambiò il nome in Iitsu“.

Che vuol dire?

Devi sapere che questo artista nel corso della sua carriera ha utilizzato più di 30 pseudonimi differenti.

Così tanti?

Andava di moda tra i pittori giapponesi.

Ma Hokusai ha esagerato e ne ha cambiati davvero molti.

Perché usavano dei pseudonimi? E soprattutto perché li cambiavano spesso?

Li utilizzavano come dei titoli per riconoscere il proprio stile artistico.

E li cambiavano ogni volta che adottavano delle tecniche differenti.

Nella serie delle Trentasei vedute del Monte Fuji Hokusai ha utilizzato i seguenti 4 pseudonimi:

  1. Hokusai aratame Iitsu hitsu
  2. Zen Hokusai Iitsu hitsu
  3. Hokusai Iitsu hitsu
  4. Zen saki no Hokusai Iitsu hitsu

Chiusa questa piccola parentesi, devo dirti una cosa molto importante.

E sarebbe?

Fin dalla sua prima comparsa in pubblico, il quadro l onda è stato un gran successo.

Pensa che ne sono state stampate più di 5000 copie.

Oggi sono conservate nei musei di tutto il mondo.

Alcune di queste però mostrano meno difetti rispetto ad altre.

Cioè?

La versione conservata al Metropolitan Museum di New York, ad esempio, il contrasto tra il cielo e le nuvole è molto ben definito.

Grande onda Kanagawa Hokusai copia versione New York analisi
“Grande Onda di Kanagawa” (copia di New York) Katsushika Hokusai

A proposito sai quante copie di questo famoso quadro giapponese onde sono arrivate fino a noi?

Molte sono andate perdute, mentre altre sono conserva a:

  • Metropolitan Museum of Art, New York
  • Biblioteca del Congresso
  • Sackler Gallery, Washington
  • LACMA
  • Museum of Fine Arts, Boston
  • Minneapolis Institute of Arts
  • RISD Museum, Rhode Island
  • Art Institute of Chicago
  • Honolulu Museum
  • British Museum, Londra
  • Rijksmuseum, Amsterdam
  • Victoria and Albert Museum, Londra
  • National Gallery of Victoria, Melbourne
  • Museo d’arte orientale, Torino
  • Museo Guimet
  • Bibliothèque nationale de France, Parigi

E tutte queste versioni dell’onda quadro giapponese sono arrivate in questi luoghi grazie a dei collezionisti che l’hanno lasciata in eredità ai musei.

STILE E SIGNIFICATO

Sai questo quadro onda giapponese significa?

La protagonista principale della composizione è sicuramente la gigantesca onda.

Al centro della scena c’è il contrasto tra la forza della natura e la fragilità dell’uomo.

In secondo piano c’è il Monte Fuji che osserva questo scontro.

Ma questo mare in tempesta quadro giapponese potrebbe avere altri significati.

Ad esempio?

Il capolavoro di Hokusai potrebbe simboleggiare la difficoltà da parte dei giapponesi che dovevano affrontare quotidianamente i pericoli del mare che circonda la loro terra.

Altri invece hanno identificato l’onda come una sorta di guardiano naturale che proteggeva il Giappone da minacce esterne.

A proposito, ricordi la politica di isolamento in vigore in Giappone che impediva scambi commerciali con gran parte dell’Europa?

Questo fatto potrebbe essere legato all’onda pittore giapponese in questione.

In che senso?

Questa gigantesca massa d’acqua potrebbe essere anche una sorta di “muro” che bloccava i giapponesi che volevano andare alla scoperta del mondo esterno.

Non potrebbe trattarsi solo di un’onda anomala?

Non credo.

Per quale motivo?

Basta dare un’occhiata alla schiuma dell’onda sulla parte sinistra dell’opera.

Particolare onda grande onda Kanagawa Hokusai analisi
Particolare dell’onda

Assomiglia ad un artiglio pronto a colpire coloro che osano sfidare la barriera naturale.

Non è un’ipotesi da sottovalutare.

Perché?

Hokusai, oltre ad essere un famoso pittore è stato anche un maestro di manga e disegni fantastici.

Tenendo in considerazione questo particolare l’onda potrebbe rappresentare anche la morte.

La morte? E perché?

In questo caso sta per prendersi la vita dei pescatori che non hanno speranza contro la violenza del mare in tempesta.

E se l’onda può simboleggiare tutte queste cose, il Monte Fuji cosa rappresenta?

Si tratta di 2 elementi molto simili.

In che senso?

Particolare onda Monte Fuji grande onda Kanagawa Hokusai analisi
Particolare dell’onda (sinistra) e del Monte Fuji (destra)

Sono stati utilizzati gli stessi colori per entrambi i particolari.

E c’è dell’altro.

Se guardi attentamente puoi notare che all’interno dell’onda anomala si vede la forma del Monte Fuji.

Particolare forma monte mare grande onda Kanagawa Hokusai analisi
Particolare della forma del Monte Fuji nel mare

Il mare è composto da riccioli che si ripetono all’infinito.

Ricordi che prima ti ho detto che in quest’opera ci sono anche degli elementi derivanti dalla pittura occidentale?

In questo caso Hokusai riprende la tecnica della prospettiva tipica delle opere europee e pone a distanza la scena in primo piano e quella sullo sfondo.

In effetti l’onda e la violenza del mare salta subito all’occhio, mentre in lontananza sembra esserci la tranquillità.

Questo contrasto ricorda lo yin e lo yang, 2 elementi della filosofia cinese.

Al centro di ciò si trova l’uomo che non può fare nulla davanti a queste incredibili forze.

Osservando attentamente sembra che ci siano anche dei riferimenti ad altre religioni.

Dove?

Le navi potrebbero rappresentare le creazioni dell’uomo che non possono resistere alla forza della natura secondo il buddismo.

Ed anche lo shintoismo mette al centro di tutto l’incredibile potere naturale simboleggiato dall’onda.

Ah, un’altra cosa.

Avrai sicuramente notato l’andamento curvilineo che si ripete in tutta la scena.

Particolare andamento curvilineo composizione grande onda Kanagawa Hokusai analisi
Particolare dell’andamento curvilineo nella composizione

Questo conferisce un’eccezionale fluidità alla scena e simboleggia anche il continuo mutamento della realtà.

A proposito, hai notato che le navi non scappano dall’onda? Anzi, sembrano andarci contro?

Particolare direzione movimento barche grande onda Kanagawa Hokusai analisi
Particolare del movimento delle barche

I pescatori non sono impazziti, tranquillo.

Devi sapere che i giapponesi sono abituati a leggere le immagini da destra a sinistra.

In Occidente invece osserviamo le immagini da sinistra a destra.

Questo particolare spiega molte cose.

Ad esempio?

I pescatori probabilmente hanno venduto il pesce al mercato e si sono imbarcati per tornare a casa.

Un’onda gigantesca però blocca il loro ritorno.

E voglio dirti un’ultima cosa.

Ricordi il blu di Prussia di cui ti ho parlato prima?

Hokusai – a partire dal 1830 – utilizza questo colore un sacco di volte.

Lo usa per donare profondità all’acqua e per molti altri particolari.

Pensa che il pittore rimane talmente affascinato da questo pigmento che decide di utilizzarlo in tutte le stampe del Monte Fuji.

 

Share this post

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
  • Creato il .
  • Visite: 2663
Ricomincio da 3 in media

 

  • Privacy
  • Mappa del sito